LANCIATA L’OPERAZIONE ITALIAN BOWL WEEKEND 2016

Si è tenuta questa mattina presso il Ristorante Le Scuderie dell’Ippodromo di Cesena la conferenza stampa di lancio dell’Italian Bowl Weekend 2016, che l’8 e il 9 luglio porterà all’Orogel Stadium Dino Manuzzi di Cesena le finali dei campionati italiani di football americano. A presentare l’evento Raffaello Pellegrini, amministratore delegato di ProSport Estense, società organizzatrice: “Oggi apriamo un’operazione inedita per la città: l’Italian Bowl per la prima volta sarà disputato a Cesena. Abbiamo fatto questa scelta per tre ragioni: per la posizione baricentrica della città rispetto alla geografia italiana del football; per le potenzialità della location, con possibilità di legare lo sport alle attrattive turistiche; e perché avremo a disposizione uno stadio bellissimo, con manto in sintetico, che ci permette di giocare quattro partite in due giorni”. Molti i ringraziamenti per chi sta collaborando, a vario titolo, alla realizzazione dell’evento. Ancora Pellegrini: “Il primo grazie va a Stefano Bondi, che per amicizia ci sta dando una grossa mano dal punto di vista commerciale. Poi mi piace ricordare Gianni Comandini de La Cantera; non so che effetto gli farà entrare allo stadio non per giocare ma per gestire tutta l’area food and beverage. Infine un ringraziamento a Gabriele Valentini e a tutto il Cesena calcio per la disponibilità nella gestione dell’impianto”. ProSport, come da tradizione, sta cercando di organizzare uno spettacolo a 360°. “Il mio primo Italian Bowl da spettatore – spiega Pellegrini – lo vidi a Rimini negli anni Ottanta, e c’erano 22 mila persone sugli spalti. Vorremmo riportare il football a quei fasti. L’anno scorso al Vigorelli di Milano abbiamo superato le 10 mila presenze sui due giorni, con oltre 150 giornalisti accreditati; quest’anno speriamo di superare questo dato. Vogliamo spingere a venire allo Stadio Manuzzi soprattutto le persone che non hanno mai visto il football e per far questo abbiamo studiato una serie di iniziative collaterali di sicuro impatto. Gli inni nazionali cantati da Loretta Grace, attrice di teatro che canta soul. L’arrivo del pallone dal cielo, grazie all’esibizione dei paracadutisti di Ravenna, una marching band con 85 elementi, le cheerleaders, e tanto altro”.

Presenti al tavolo dei relatori coloro che stanno collaborando con ProSport Estense per rendere l’Italian Bowl 2016 indimenticabile. In primo luogo il sindaco di Cesena Paolo Lucchi: “Siamo abituati a supportare lo sport, e crediamo che questa manifestazione possa dare un grande ritorno di immagine alla nostra città. Si tratta della punta di diamante di una serie di iniziative che stiamo portando avanti di concerto con la realtà cervese. Da parte nostra ci siamo messi a disposizione fin dall’autunno scorso, e ringrazio l’assessore Christian Castorri per il grande lavoro fatto in questo senso”. Tra i ‘basisti locali’ dell’iniziativa c’è Claudio Fantini del Fantini Club di Cervia: “Ringrazio l’organizzazione, con cui si sono trovate subito buone sinergie, per avermi coinvolto. La città di Cesena vive di sport, e crediamo sarà un grande successo. Con Sportur Travel abbiamo preparato dei pacchetti turistici su Cesena e la riviera, nonché messo a punto momenti di divertimento e attività promozionali. Speriamo che l’Italian Bowl possa diventare un appuntamento fisso a Cesena, per intrecciare interesse sportivo e richiamo turistico”. Soddisfatto della rete creata anche il padrone di casa, Marco Rondoni di Hippogroup: “Siamo stati coinvolti con piacere: mettiamo a disposizione le nostre strutture e la nostra rete di relazioni. Stiamo già studiando situazioni di scambio di visibilità, per pubblicizzare presso l’Ippodromo l’Italian Bowl, e viceversa. L’arrivo di appassionati da tutta Italia a Cesena è un bene per tutti noi; magari prima di andare allo Stadio a tifare potranno fare un salto all’Ippodromo”.

Presente alla conferenza stampa anche il vice presidente di FIDAF Francesco Cerra: “Ci tengo a ringraziare il Comune di Cesena per la sensibilità che ha dimostrato per il nostro sport. È la prima volta che disputiamo le finali in uno Stadio così importante; quattro partite in due giorni, e tifosi da tutta Italia, per rendere ancora più bella e colorata la manifestazione. Da tifoso sono davvero felice di vedere raggruppate tutte le finali in un’unica sede. Un grazie particolare va a ProSport, che si è lanciata in un’impresa eroica, ma d’altronde l’organizzazione ha dimostrato gli anni scorsi di sapere quello che fa. Un esempio? La chicca assoluta della trasmissione in diretta dell’Italian Bowl su Fox Sports, che non è cosa da tutti”.

Infine la parola a John Knight, che con il suo marchio KPRO è sponsor ed esclusivista del merchandising dell’evento: “Siamo onorati di far parte dell’organizzazione. Spero di poter portare un prodotto di alto livello con il mio brand, che sia in linea con la qualità dell’intera organizzazione”.