La parola ai protagonisti

Si è tenuta questa mattina, sulla spiaggia del Fantini Club di Cervia, la conferenza stampa di presentazione dell’Italian Bowl Weekend 2016 di Cesena. Due giorni di sport e spettacolo, raccontati in anteprima dai protagonisti.

Dopo i saluti istituzionali del padrone di casa e partner dell’evento Claudio Fantini, è stato Raffaello Pellegrini, uno degli organizzatori, a moderare la presentazione: “In questi giorni invidierò tutti voi che potrete vivere l’evento alternando l’Orogel Stadium alla spiaggia; io fino a sabato notte sarò murato nello splendido impianto di Cesena, che sembra perfetto per fare football”.

A spiegare la formula il consigliere federale FIDAF Fabio Tortosa: “Due giorni di partite, che vedranno impegnato tutto il football italiano nella splendida cornice del Dino Manuzzi. Domani finali CIFAF e Terza Divisione, sabato Seconda Divisione e alle 20.45 il main event della finale IFL. Desidero ringraziare pubblicamente Pellegrini e Maragno, gli organizzatori per il quarto anno consecutivo dell’evento, e ogni volta fanno un passo avanti verso l’eccellenza”.

Proprio Maragno spiega alcune novità di questa edizione: “Non sono un esperto di football, ma ogni anno ho trovato persone speciali all’interno di questo sport. Anche in questa edizione ci siamo mossi per regalare spettacolo puro oltre alle partite. Il pallone arriverà dal cielo, scortato dai paracadutisti di Ravenna; nell’ampia area Food&Beverage gli amici de La Cantera non ci lasceranno privi di cibo e bevande, con hamburger, specialità romagnole e litri di birra; abbiamo scritturato la più bella marching band italiana; gli inni verranno cantati dal vivo dall’attrice Loretta Grace. Insomma, uno spettacolo nello spettacolo. Stiamo cercando di far crescere questo sport come credibilità: quest’anno un importante salto di qualità è rappresentato dalla diretta su Fox Sports”.

Anche il presidente IFL Enrico Mambelli sottolinea la crescente credibilità del movimento:  “Siamo cercando di creare le condizioni perché questo movimento di nicchia possa diventare sempre più qualificato. Per il secondo anno consecutivo registriamo la sponsorizzazione di NFL Game Pass, abbinamento che non fanno d’abitudine fuori dall’America. Se hanno deciso di sostenerci è perché hanno visto la serietà dell’organizzazione e la qualità nel prodotto”.

Infine la parola ai protagonisti sul campo. Alessio D’Ascenzo, presidente Rhinos: “Non nascondo un filo di emozione quando è arrivato il trofeo, dedicato al nostro precedente presidente, figura mitica del football degli anni Ottanta. Nel nostro ritorno al gran ballo c’è una grande sceneggiatura: ci arriviamo con un coach che ha fatto la storia del gioco negli Stati Uniti. Altro elemento d’orgoglio, l’essere arrivati qui con una fedina penale immacolata, fatta di tutte vittorie. Ma adesso tutto viene resettato; dobbiamo essere capaci di disputare la migliore gara dell’anno”.

Gli fa eco Argeo Tisma, strappato dall’allenamento odierno, essendo anche coach della squadra: “Questo è il nostro quinto superbowl. Non ci nascondiamo, era l’obiettivo all’inizio. Ma durante la stagione siamo stati tartassati dai problemi, che siamo riusciti a superare. I Rhinos hanno una grande organizzazione, noi in confronto siamo un po’ più piccoli, ma la tenacia e la voglia che ci abbiamo messo ci hanno portati fino a qua. Non faccio l’umile: una squadra che arriva all’atto finale, ci arriva credendo di poter vincere. Cercheremo di dare spettacolo: vogliamo che la gente si diverta e si riavvicini a questo sport”.