Sharks – Knights 36-22

Sharks Palermo-Knights Persiceto 36-22

14-0 6-8 0-14 16-0

Marcatori: (SP) TD Randisi 17 yd pass da Albanese, (SP) TD Randisi 17 yd pass da Albanese (Bravatà rush), (SP) TD Mondi 58 yds pass da Albanese, (KP) TD Volpe 1 yd run (Volpe rush), (KP) TD Melanciana 72 yds pass da Negretto (Raccuglia kick), (KP) TD Volpe 1 yd run (Raccuglia kick), (SP) TD Abbadessa 1 yd run (Totaro rush), (SP) TD Abbadessa 13 yds run (Abbadessa rush).

MVP of the Game: Paride Zappalà (Sharks Palermo)

 

L’Orogel Stadium ha celebrato uno splendido Nine Bowl, con Sharks e Knights che si sono alternate nel tenere l’inerzia della partita. I siciliani hanno iniziato meglio, sono stati rimontati dagli emiliani nella parte centrale del match e poi hanno ripreso il largo, vincendo meritatamente. Tra i tanti protagonisti, emerge come MVP il safety siciliano Zappalà, davvero di misura sul compagno di squadra Abbadessa e sul runner avversario Volpe.

L’inizio del match è tutto degli Sharks, grazie alle ottime soluzioni offensive trovate dal quarterback Albanese e a una difesa condotta da Zappalà che concede briciole a Busi e compagni. I siciliani salgono velocemente sul 20-0 con tre lanci da touchdown (due per Randisi e uno per Mondì) e solo nel finale del primo tempo gli emiliani riescono ad accorciare con 8 punti (corsa e trasformazione alla mano) di Volpe, arrivando di nuovo vicino alla end zone avversaria proprio negli ultimi secondi di gioco. Nella ripresa l’inerzia della gara si rovescia, prima con un lancio in option di Negretto per Melanciana e poi con Volpe, che corre 1 yard per il vantaggio Knights 22-20, dopo che i siciliani avevano regalato una chiusura di down commettendo un fallo inutile. Gli Sharks, offensivamente, sembrano un’altra squadra e il coaching staff decide di cambiare il qb titolare, inserendo Abbadessa. La mossa regala il nuovo sorpasso Sharks, proprio con una breve corsa del nuovo entrato, che nel drive d’attacco successivo si ripete dalle 13 yard per il 36-22 siciliano. Le speranze dei Knights di rientrare in partita vengono cancellate dall’intercetto di Sposito al limite della end zone che restituisce palla ai siciliani. Negli ultimi due minuti gli Sharks controllano il tempo e chiudono vincenti.